Dritti dritti da aNobii/8

Mi ha fatto commuovere e ridere. Un libro dolce e divertente, davvero molto bello. Non è una lettura solo per ragazzine, credo che anche noi adulti possiamo goderne. Devo dire che adesso sono molto curiosa di leggere anche l’altro romanzo di questa autrice. Prima di inizare a leggerlo pensavo di imbattermi in una sorta di romanzetto moraleggiante, mentre è tutto il contrario.

Calliope

Annunci

Dritti dritti da aNobii/7

Oggi prendiamo in prestito da aNobii un commento a La vita come viene:

Non è facile trattare argomenti come aborto, gravidanza e crescita con un mix così ben riuscito di leggerezza e gravità. Senza falsi moralismi, con una scrittura diretta e immediata, la Bondoux affronta temi difficili parlando attraverso la bocca di una ragazza, che – rimasta orfana – è costretta a far quasi da madre alla sorella più grande.
Molto bella anche la figura di Luigi, il padre – a sua insaputa – del piccolo che aspetta di venire al mondo (mi starà simpatico perché è l’unico italiano del libro?). Prima deriso e maltrattato anche lui si prenderà la sua rivincita.
Quello che più mi colpisce di questo libro è la mancanza di qualunque buonismo o intento consolatorio, o della volontà di dare un indirizzo morale alla vicenda: c’è semplicemente la vita, come viene.

Max Vicius

Dritti dritti da aNobii/6

Ancora una sortita sulle Lacrime dell’assassino prima di tornare a dedicarci a La vita come viene.

Se ad un certo punto non apparissero i cibi liofilizzati, le telecamere di videosorveglianza di una banca, i distributori di acqua, questo libro non avrebbe tempo. Sarebbe sospeso ai confini del mondo come il lembo di terra cilena in cui tutto inizia e finisce, ai limiti del possibile come la storia che racconta. Un assassino dall’assurdo nome di Angel Alegrìa uccide una coppia di contadini e si insedia a vivere nella fattoria insieme al loro bambino che ha risparmiato. Ne nasce una storia inaspettata di diffidenza e di scoperta, di convivenza e di sospetto, di gelosia e di cambiamento. Il mondo si affaccia nella vita dei due (padre e figlio? amici? carnefice e vittima?) sotto l’aspetto di un cittadino venuto dal mondo civile, di una donna che cambia l’equilibrio, di un saggio boscaiolo tratteggiato splendidamente. Pablo – il bambino – assaggia il mondo: le lettere dell’alfabeto, una caramella portafortuna, un cucciolo di volpe, il porto, la fiera, un quadro, le metafore, la musica di Bach. E il mondo cammina, come la macchina della giustizia, come il finale della storia, ma nulla può scalfire il rapporto che si è creato tra un assassino che non riconosce più se stesso e l’innocenza di un bambino.

cati

Dritti dritti da aNobii/5

Sempre da Anobii:  stavolta a parlare di Anne-Laure è Marta.

Mi è piacuto tantissimo perchè è un libro che mi ha stupito e che racconta di come un assassino, quindi una persona “bruta” può diventare una persona con sentimenti, emozioni e una persona che può volere bene.