I vostri commenti!

Peschiamo da ibs questo bel commento di una lettrice su La vita come viene

Stefania (10-12-2010)
Libro molto bello, pur nella sua semplicità. L’ho letto tutto d’un fiato e mi ha fatto molto riflettere la maturità di una ragazzina di 15 anni che porta avanti la sua vita praticamente da sola.
Voto: 4 / 5

Annunci

La Bondoux domani a Mantova

Anne Laure Bondoux intervistata da WUZ

In occasione della tappa milanese delle presentazioni di Figlio della fortuna, Anne Laure è stata intervistata da WUZ. Ecco un breve estratto:

Come è nata l’idea di questo romanzo?

La scrittura, per me, è un po’come il giardinaggio, all’inizio c’è solo un piccolo seme, a cui bisogna lasciare il tempo di maturare spontaneamente, senza pressioni… come nell’agricoltura biologica… è un lavoro lungo, pian piano che la prima idea è maturata altre idee si aggiungono una all’altra. A queste si uniscono successivamente tutta una serie di ulteriori pensieri… che come delle erbacce, a mano a mano ricoprono quella iniziale, come sterpaglia, fino quasi a far perdere visione dell’idea iniziale, ormai completamente ricoperta.
Nel caso di questo romanzo l’idea principale, il seme, è scaturito da una mia volontà precisa, quella di scrivere un romanzo su Blaise Cendrars, poeta delle svizzera francofona, grande viaggiatore, autore di Prosa della Transiberiana e della piccola Jeanne de France. È stato proprio

Per l’intervista completa clicca qui.

Anne-Laure Bondoux a Mare di libri, ecco le date

Ecco finalmente le date della visita di Anne-Laure a Rimini in occasione di Mare di libri come ospite d’onore.

Cliccando sotto potete accedere la programma completo della manifestazione.

Ore 16.30, Musei della Città, Sala del Giudizio

LA VITA DAVANTI A SE’

Incontro con Anne-Laure Bondoux presentata da Elena Baroncini, giornalista
Anne-Laure Bondoux autrice già pluripremiata per i suoi romanzi Le lacrime dell’assassino e La vita come viene, riscuote un altro straordinario successo di critica e pubblico con il suo nuovo romanzo Figlio della fortuna. Blaise Fortune, ragazzino di origini francesi, fugge dal Caucaso martoriato dalle guerre verso le sue radici: un cammino attraverso l’Europa difficile e doloroso, tra incontri e addii, paure e speranze. Ancora una volta l’autrice affronta senza remore temi forti e dolorosamente attuali.
L’incontro è aperto dai volontari di Mare di Libri.

Evento sponsorizzato da San Paolo – Ingresso € 3 – Età consigliata da 13 anni

Le novità su Anne-Laure Bondoux

Ciao a tutti, stiamo preparando nuove sorprese legate ad Anne-Laure e alla sua venuta in Italia in occasione di Mare di libri.

Approfittiamo di questo post per annunciarvi che La vita come viene è stato finalista al 53° Premio Bancarellino.


Quanto piace “La vita come viene”!

Ecco perché La vita come viene è entrato come finalisti del Premio Andersen 2010:

Maddy e Patty sono sorelle ma si assomigliano ben poco nel modo di affrontare la vita, nel carattere, nelle aspirazioni. O forse

si rappresentano così differenti solo al mondo, tanto da crederci loro stesse. Maddy è seria, studiosa, precisa e pensierosa, ha

quindici anni e la incontriamo che prova a concentrarsi sui libri per preparare una verifica scolastica cruciale, l’ultima dell’anno.

Patty lavora in un pub, mastica chewingum, ama smaltarsi le unghie e si rimbambisce di televisione pomeridiana sprofondata

nel sofà. E, a detta della sorella, è “una tipa fuori di testa”. Ma ha un vantaggio: è maggiorenne; e in questo momento la

cosa è utilissima. Le due hanno infatti perso i genitori in un incidente stradale e Maddy – ancora sconvolta – può rimanere a

casa e non finire in una casa-accoglienza solo perché Patty ne ha ottenuto l’affidamento. L’ha ottenuto garantendo il mantenimento

e – cosa più difficile – sostegno alla crescita. Lei, proprio lei, Patty, che a vederla sul sofà a far bolle con la cingomma

non si direbbe capace di badare a se stessa. Un affidamento sotto osservazione, l’assistente sociale vigila. Insomma, le sorelle

devono trovare il modo di affrontare oltre al lutto anche il presente, magari il futuro. Un evento inaspettato – non vi posso

raccontare tutto – cambierà ulteriormente le carte in tavola, rendendo, se possibile, ogni cosa più complessa. L’estate alle porte le vedrà passare un

incredibile agosto nella casa di campagna, a Vimoulenc, sperduta e isolata località nella Francia profonda. La casa, il fiume e soprattutto la strada a curve

che porta a questo borgo e sulla quale hanno perso la vita i genitori metteranno le sorelle – in particolar modo Maddy che è la nostra voce narrante

– di fronte all’elaborazione del lutto. L’evento inaspettato le costringerà, anche simbolicamente, a guardare al futuro, alla continuazione della vita. Un

romanzo bello e intenso, da magone e qualche sorriso.

(anselmo roveda – ANDERSEN ottobre 2009)

Dritti dritti da aNobii/11

Anche se è appena uscito Figlio della fortuna, non ci dimentichiamo dei precedenti romanzi di Anne-Laure!

Ecco il parere di Pantaleo Magrone su La vita come viene:

Libro per giovani. Ho ottanta anni e mi è piaciuto moltissimo.
Fresco, brillante, scorrevole. Una lettura semplice per mettersi di buon umore.